Samsung Galaxy Note 5 – Recensione

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Samsung nel campo phablet non ha mai steccato, creando vere e proprie icone della categoria. Il primo Galaxy Note fu rivoluzionario, il Note 2 perfezionò il lavoro svolto, il Note 3 cominciò a dare i primi segnali di evidente potenza e Note 4 e Note Edge nel 2014 si sono imposti come leader dei “padelloni” sul mercato. Samsung, dopo aver prodotto questi grandi prodotti, è riuscita a creare di meglio? La risposta è sì, la risposta è Galaxy Note 5. Scopriamolo nella recensione:

CONTENUTO DELLA CONFEZIONE.

La solita, completa, confezione offerta da Samsung, in cui non mancano le nuove cuffie in-ear proposte con l’arrivo di Galaxy S6 e il caricabatterie con carica ultra-rapida con uscita a 5/9 V. Non mancano neanche i ricambi per la punta del pennino nel caso si consumasse ed il cavo USB/Micro USB. Per concludere troviamo la manualistica.

DESIGN, MATERIALI E DIMENSIONI.

Il design è un riassunto dell’ultima serie S, quindi bello e di risalto, averlo tra le mani dà una sensazione piacevolissima e ce ne si innamora subito, c’è poco da fare. I materiali scelti sono quindi vetro e alluminio, che come già ribadito, danno un’ottima sensazione al tatto. Il grip è davvero buono, infatti si impugna benissimo e la presa è ben salda. Le dimensioni, ovviamente, sono davvero enormi, con i suoi 76.1 x 153.2 x 7.6 mm, ma il dispositivo è ben proporzionato e in mano è più leggero di quanto sembrino i suoi 171 grammi. La curvatura ai lati, curiosamente, Samsung l’ha posta sul retro del Note 5, rendendolo confortevole.

Samsung_Note5_MvtechnoSamsung_Note52_Mvtechno

I TASTI, LED DI NOTIFICA, ALTOPARLANTE.

Ovviamente non manca il tasto fisico per la home ed il riconoscimento delle impronte digitali, da sempre prerogativa Samsung. Bilanciere del volume posto a sinistra e tasto d’accensione a destra, posti bene e raggiungibili con facilità, nonostante le dimensioni. Presente il led di notifica. L’altoparlante di sistema, posto sotto, è di qualità superiore alla media.

Samsung_Note53_MvtechnoSamsung_Note54_MvtechnoSamsung_Npte55_Mvtechno

DISPLAY.

Super Amoled 2K, una garanzia. Colori brillanti, display vivido anche a luminosità bassa, 5,7″ pollici da favola. Display questo, decisamente oleofobico, insomma impressionante.

Samsung_Note56_Mvtechno

COMPONENTISTICA HARDWARE E LE MEMORIE.

Il dispositivo che abbiamo provato è un dual SIM, ma non ha l’espansione di memoria. Il processore è il migliore dell’annata 2015, l’Exynos 7420 Octa-Core, che garantisce fluidità e prestazioni da urlo, unito ai 4 GB di RAM ed ai 32 GB con memorie a 14 nanometri (minimi, esiste anche la versione 64 e 128 GB). Fa il suo dovere la sensoristica. La S Pen funziona benissimo ed è molto reattiva.

SOFTWARE.

Il Note 5 monta la penultima versione di Android 5.1.1, non dà problemi, insieme alla Touchwiz migliorata ancora. A breve arriverà Marshmallow, immaginiamo che il terminale possa dare il meglio di sé con l’ultima release. Staremo a vedere.

REPARTO TELEFONICO.

Ci sentono molto bene, ma in ricezione qualche volta la voce risulta un po’ “meccanica”, niente di problematico in quanto è chiara e distinta. Connettività eccellente anche in zone meno coperte. Il Dual SIM è gestito benissimo, con un ottimo Dual Active che permette lo switch a caldo.

USO DELLE APP E DEI GIOCHI.

I giochi più pesanti girano senza perdere colpi e con una giocabilità a livelli massimi. Le applicazioni non presentano alcun problema, fluido, fluidissimo! Presenti stock le applicazioni Microsoft Office.

MULTIMEDIA.

Anche qui, Samsung non delude. La fotocamera ha lo stesso sensore di quella degli S6 e si vede. I 16 Mpx posteriori sono ben sfruttati, così come i 5 Mpx della fotocamera anteriore. Una spanna sopra alla categoria. Video fino a 4K, sono impressionanti, cominciano leggermente a sgranare solo quando ingranditi 8 volte. Pazzesco. Il comparto musicale è davvero buono, la musica si ascolta che è un piacere.

Samsung_Shot_MvtechnoSamsung_Shot2_MvtechnoSamsung_Shot4_MvtechnoSamsung_Shot3_Mvtechno

BATTERIA.

Non removibile. 3000 mAh, uniti allo schermo 2K ed al processore 7420 garantiscono l’arrivo a fine giornata, ma questo è forse l’unico piccolo neo del Note 5.

CONCLUSIONI.

Che dire, il Note 5 ha convinto. Ha tutto, ci si può fare di tutto, e non ci si stanca mai. Al prezzo venduto è già di per sé un affare, figurarsi col passare dei mesi. Peccato per la batteria da cui ci saremmo aspettati leggermente qualcosa in più, ma va bene così.

VOTO: 9,6.

Share.

About Author

Lascia un commento

cinque + 15 =