Google compie 20 anni, come ha cambiato la nostra vita?

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Che passi da gigante ha compiuto la tecnologia. Solo vent’anni fa tutte quelle invenzioni che oggi fanno quasi parte del nostro organismo ci sembravano evoluzioni spaventosamente geniali. Google, o meglio il motore di ricerca Google, vent’anni fa nacque dalle profonde ed innovative teorie di Larry Page e Sergey Brin, due studenti di Stanford. Teorie che avrebbero poi col tempo cambiato indelebilmente il nostro modo di agire ma anche il Mondo stesso.

Diciamoci la verità, Google ha semplificato ogni cosa, è diventato con il tempo qualcosa che ci fa sentire a casa, sicuri, e con l’ingresso dell’Assistente Google e di Google Home, esso è davvero diventato qualcosa che possiamo tenere in casa. Pensiamo infatti alla velocità con cui oggi troviamo ristoranti, ospedali, negozi e soprattutto soluzioni ai piccoli problemi della nostra vita. Quante volte ci serviva sapere una ricetta per un dolce, o sapere come dosare un farmaco.

Con il tempo tutto questo è diventato parte di un ecosistema letteralmente infinito, viste le milioni e milioni di voci presenti. Praticamente la pagina Home di Google è diventato l’accesso per tutti al Mondo che ci circonda.

Ma Google non è più solo questo. Con le varie acquisizioni, esso si esteso a qualsiasi tipo di uso, tra cui quelli importantissimi ad oggi come YouTube(Ormai vero surrogato della televisione online) e GMail, probabilmente insieme ad Outlook il client di mail più utilizzato al Mondo.

Oggi è talmente automatico usare Google che si è persa quella sorpresa di trovare tutto quello che si volesse cercare. Un’estensione del braccio, praticamente. Ma questo ha fatto perdere un po’ di magia, quella magia che ci ha accompagnato almeno per i primi 10 anni di vita dello stesso. Ricordiamo ad esempio come nel 2005 potevi trovare qualsiasi cosa riguardante il Wrestling WWE, tanto in voga in quegli anni. O cercare i videogiochi Flash, o anni prima scovare per la prima volta siti oggi superabusati come i neonati eBay e Amazon. Ricordare i nostri padri sentirsi fieri di insegnarci i rudimenti di questo splendido strumento già nel 1999, o proprio nei primi due-tre anni 2000.

Cosa ci resta oggi, nella consapevolezza di avere un automatismo come Google? Oltre tutte le comodità, resta la sicurezza di trovare un mezzo per potersi esprimere e cercare qualcosa che si desidera, senza compromessi(o quasi). Il trucco è proprio questo, e l’accoppiata Page e Brin l’avevano capito, creare qualcosa di normale per le persone normali.

Che nostalgia però a guardare il video che vi lasciamo sotto. Buon Compleanno, Google!

Share.

About Author

Lascia un commento

sedici + 16 =