Vodafone e 4G: copertura totale sul territorio italiano entro fine 2018

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

In attesa del 5G, Vodafone punta a completare la sua offerta di rete mobile in 4G al fine di raggiungere una copertura del 100% sul territorio italiano entro settembre 2018.

Questo ambizioso obbiettivo, annunciato tramite un comunicato nella giornata di ieri, si colloca nella più ampia strategia di sviluppo del Narrowband Internet of the Things (NB-IoT).

Secondo le previsioni, infatti, il mercato dell’IoT avrà – e la sta già avendo – una crescita mostruosa. La sola Vodafone connette ad oggi 62 milioni di oggetti del mondo, di cui quasi 8 in Italia.

L’idea di base dell’IoT consiste nel connettere tra di loro quanti più oggetti della vita quotidiana possibile, opportunamente sensorizzati. Questo processo come sappiamo è già in corso e fa passi da gigante: già oggi possiamo controllare in remoto lavatrici, frigoriferi e condizionatori. In un non lontano futuro potremo controllare idealmente tutti gli oggetti che ci circondano, così come potranno essere immensi i benefici anche in ambito industriale.

A tal proposito, lo step finale sarà dato dalla diffusione della rete 5G. Essa sarà indispensabile per l’IoT a causa della sua bassissima latenza e del suo profilo low power a corto raggio. Di contro, utilizzando bande di frequenza più alte, questa tecnologia ha un raggio d’azione molto inferiore a quelli degli standard attuali. Allo stato dell’arte si sta studiando quindi il posizionamento e la quantificazione delle nuove antenne, sia in termini tecnici che normativi.

In attesa che ciò avvenga, il pre-5G è rappresentato proprio dal NB-IoT. I dispositivi sensorizzati, in questo stato primordiale, sono connessi tramite reti cellulari 4G-3G-2G grazie a uno standard di trasmissione, il Narrowband appunto, che integra un profilo Low Power Wide Area (LPWA).

Indubbiamente i vantaggi del completamento della copertura 4G saranno avvertiti di riflesso anche dagli utenti mobile di Vodafone. I consumatori – si spera – potranno usufruire della rete veloce non solo nei grandi centri abitati – limitazione a cui siamo fin troppo abituati in Italia – ma anche nel resto del Territorio.

Share.

About Author

Studente di Ingegneria Elettronica, scrivo con piacere di ciò che mi interessa: tecnologia, sport e musica.

Lascia un commento

3 × due =